Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria 1.8.9.0 BETA

Tutti gli articoli della categoria Cronaca

 

Bagheria. Dopo la condanna, arrestato dalla polizia Domenico Gargano

GARGANO Domenico

sabato 20 dicembre 2014, 15:02  

Sono stati gli agenti del commissariato di polizia di via La Masa ad avere eseguito l’arresto di Domenico Gargano, 38 anni, condannato in via definitiva a  21 anni, 2 mesi e 18 giorni di reclusione, per l’omicidio dello zio Antonino Tripoli. Tripoli morì il 19 ottobre 2008, dopo alcuni giorni dall’agguato, avvenuto il 4 ottobre 2008, a pochi passi dal passaggio a livello di Bagheria. L’uomo  rimase ferito da una serie di colpi di pistola. La Cassazione ha condannato Gargano, considerando attendibile il racconto dello zio che sul letto dell’ospedale ha indicato il suo nome.

 

Nuovamente arrestati
i due buttafuori bagheresi scarcerati 15 giorni fa

buttafuori

sabato 20 dicembre 2014, 13:23  

Dopo quindici giorni di libertà tornano in carcere i due buttafuori bagheresi Gaspare Ribaudo di 23 anni e Emanuel Rughoo Tejo di 38. Erano stati arrestati perchè accusati di tentata estorsione aggravata dalle modalità mafiose ai danni del titolare di una discoteca alla periferia di Palermo. Ma vennero scarcerati perchè non furono riscontrati gravi indizi di colpevolezza. Adesso invece sono di nuovo in cella.

 

Arrestate per avere rubato carte di credito a Ficarazzi usate anche a Bagheria

donne arrestate

sabato 20 dicembre 2014, 10:48  

Avevano commesso un furto ai danni di un negozio a Ficarazzi e ieri, per loro, sono scattate le manette ai polsi.
Avevano anche in precedenza fatto degli acquisti in alcuni negozi di Bagheria con una carta di credito che avevano rubato.

 

Bagheria. Condannato a 23 anni Domenico Gargano per l’omicidio dello zio

bagheria tripoli

venerdì 19 dicembre 2014, 09:46  

E’ diventata definitiva la pena per Domenico Gargano, 38 anni, considerato l’autore dell’omicidio dello zio, Antonino Tripoli (nella foto).
Gargano dovrà adesso scontare 23 anni di carcere.

 

Palermo. Blitz al Comune: arrestate 16 persone. Riducevano le tasse per soldi

targa-uffici-tributari-comune-palermo

giovedì 18 dicembre 2014, 08:53  

Funzionari e dipendenti del Comune di Palermo avevano gestito come fosse cosa loro la riscossione prima della Tarsu e poi della Tares. Corruzione e truffa nell’ufficio tributi in via Lincoln erano all’ordine del giorno. E’ quanto ha fotografato la polizia di Stato, a Palermo, che stanotte, nel corso di una vasta operazione anticorruzione, denominata Fintares, ha ammanettato 16 tra funzionari e dipendenti eseguendo i provvedimenti cautelari emessi dal gip del Tribunale di Palermo, Angela Gerardi, accusati, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, istigazione alla corruzione, truffa e falso materiale. L’operazione, che ha portato all’esecuzione di quattro provvedimenti di custodia cautelare in carcere e di 12 ai domiciliari, è stata coordinata dal Sostituto Procuratore, Daniela Varone, coordinata dal Procuratore Capo facente funzioni, Leonardo Agueci e dal Procuratore Aggiunto, Bernardo Petralia.

 

Carini. 54enne trovata
morta strangolata con
una calza nella sua abitazione

carini strangolata

mercoledì 17 dicembre 2014, 15:12  

Una donna, Rosalia Simonetti di 54 anni, è stata strangolata nell’abitazione a Carini in via Palermo 16. Sul posto i carabinieri e il pm Stefano De Montis. La donna sarebbe stata uccisa strangolata da una calza.

 

La mafia pensava di uccidere Di Matteo anche nella sua residenza a Santa Flavia

di matteo 1

martedì 16 dicembre 2014, 14:14  

Il giudice Antonio Di Matteo poteva essere ucciso anche nella sua residenza estiva Santa Flavia.
A dirlo è il collaboratore Vito Galatolo che oggi ha consentito di arrestare Vincenzo Graziano.

 

Bagheria. Concessi gli arresti domiciliari per Carlo Guttadauro

Carlo-Guttadauro

lunedì 15 dicembre 2014, 12:44  

Sono stati concessi gli arresti domiciliari, a Carlo Guttadauro, che era stato arrestato lo scorso 4 giugno nell’ambito dell’operazione Reset.
Il provvedimento è stato emesso per le condizioni di salute in cui versa.
Per Guttadauro, lo ricordiamo, dopo qualche settimana dall’arresto, il Tribunale del riesame aveva dichiarato infondata  l’accusa di associazione mafiosa.

 

Bagheria. Ancora
un’auto in fiamme. L’ultima in via Maggiore Toselli

vigili fuoco

domenica 14 dicembre 2014, 14:55  

Ancora un’auto in fiamme a Bagheria.
L’ultima in ordine di tempo in via Maggiore Toselli. Ad andare a fuoco una Fiat Punto di proprietà di un venditore ambulante, Antonino Di Lorenzo.
Le fiamme hanno coinvolto anche una Fiat Seicento posteggiata vicino la Punto.
Sono stati i vigili del fuoco di Palermo ad intervenire e a domare le fiamme.
Quello dell’altro ieri è solo l’ultimo di una lunga serie che ha visto coinvolte altre auto fra cui quelle di un avvocato penalista che sono andate a fuoco in via città di Palermo.
La settimana scorsa è stata  danneggiata un’altra macchina in via Senatore Scordato vicino un panificio.

 

Palermo. Una donna
di 62 anni è stata uccisa
con 11 coltellate a casa sua

ambulanza 2

sabato 13 dicembre 2014, 10:05  

Una donna di 62 anni, Anna Maria Renna, è stata uccisa con 11 coltellate.
Ad indagare è la polizia, sull’omicidio avvenuto nella notte a Palermo. I vigili del fuoco entrati in un appartamento in via Maggiore Toselli hanno trovato il corpo della donna riverso a terra. Presentava numerose ferite di arma da taglio. È intervenuta la scientifica. Il cadavere della donna si trova all’istituto di Medicina Legale del Policlinico.

 

Bagheria. Arrestato per evasione dagli arresti domiciliari

polizia-macchina-nuova-bagheria

venerdì 12 dicembre 2014, 16:15  

Gli agenti del commissariato di polizia di Bagheria hanno arresto in flagranza di reato un uomo di 38 anni, Massimiliano Savoca, perchè malgrado fosse in regime degli arresti domiciliari, era fuori dalla sua abitazione.
Il Tribunale di Termini ha convalidato l’arresto e ne ha disposto nuovamente gli arresti domiciliarti, in attesa del processo che si svolgerà nei prossimi giorni.

 

Palermo. Scoperti 306 mila monete false importate dalla Cina

monete

venerdì 12 dicembre 2014, 10:25  

I Carabinieri della Compagnia di Palermo Piazza Verdi e della Sezione Operativa del Comando Carabinieri Antifalsificazione Monetaria di Roma, supportati dai Comandi Provinciali di Napoli, Salerno e Cosenza, hanno condotto, dalle prime ore del mattino, una vasta operazione nei confronti di un’associazione per delinquere finalizzata alla falsificazione, introduzione nello stato e spendita di monete falsificate, con l’esecuzione di un  provvedimento di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo nei confronti di 12 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di aver promosso ed organizzato un’associazione criminale che si occupava dell’approvvigionamento e della distribuzione di monete metalliche false importandole dalla Repubblica Popolare Cinese (artt. 416, 453 e ss C.P.).