f Cronaca | La Voce Di Bagheria - Part 4

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Tutti gli articoli della categoria Cronaca

 

Ritrovata a San Nicola, dalla Guardia Costiera, una signora che voleva suicidarsi

sabato 9 Novembre 2019, 10:46  

Gli uomini della Guardia Costiera di Porticello sono riusciti a salvare dal possibile suicidio, una donna di circa 60 anni.

 

Auto in fiamme sull’autostrada fra Villabate e Bagheria

mercoledì 6 Novembre 2019, 12:34  

UAuto in fiamme sull’autostrada Catania-Palermo, subito dopo lo svincolo di Villabate, verso Bagheria.
L’auto è andata in fiamme poco prima delle 9.

 

Arrestate due persone, una residente a Bagheria, per furto aggravato in abitazioni di villeggiature

mercoledì 6 Novembre 2019, 08:41  

Sono ritenuti responsabili di una ventina di furti in appartamento in villette di villeggiature fra i comuni di Bagheria, Lascari, Campofelice di Roccella, Collesano e Misilmeri.
In manette sono finiti un bagherese e un’altra persona residente a Palermo.

 

Bagheria. Rosaria Maria Liga assolta. Non è la postina della mafia (foto)

giovedì 31 Ottobre 2019, 15:53  

Diversi pentiti l’avevano definita la postina dei messaggi che suo zio, Pino Scaduto, avrebbe inviato dal 41 bis ad un altro nipote, Paolo Liga, accusato di esserne diventato l’erede. Ma avrebbero raccontato anche del suo ruolo nelle estorsioni.

 

Bagheria. Incendio accidentale in un’officina del centro

mercoledì 30 Ottobre 2019, 11:31  

Incendio questa mattina in un’officina meccanica in via Pietro Lanza a Bagheria.
Le fiamme si sono propagata intorno alle 7,15 del mattino.

 

Bagheria. Confermata la condanna per 2 fratelli per abuso sessuale

venerdì 25 Ottobre 2019, 12:50  

Anche la corte d’appello ha confermato la pena ai due fratelli che avrebbero abusato sessualmente di due sorelle, una delle quali minorenne ai tempi dei fatti.

 

Santa Flavia. Imbarcazione in avaria, soccorsa dalla Guardia Costiera

mercoledì 23 Ottobre 2019, 16:58  

Una piccola imbarcazione in avaria, con a bordo 2 persone, è stato soccorso ieri mattina dalla Guardia Costiera di Porticello. La segnalazione è scattata intorno alle 10,30. Un natante da diporto, nello specchio acqueo antistante il porto di San Nicola l’Arena del Comune di Trabia, era rimasto in panne e in balia delle onde.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

 

Bagheria. Il Cga respinge la richiesta di sospensiva. La casa va demolita

mercoledì 23 Ottobre 2019, 16:22  

Il consiglio di giustizia amministrativa ha respinto la richiesta di sospensiva della sentenza del Tar e la casa che sorge lungo la costa Aspra Mongerbino degli eredi di Carlo Guttadauro, ritenuto contiguo alla famiglia mafiosa di Bagheria, deve essere demolita.

 

Bagheria. Pene pesanti nell’ambito di un
processo per 5 indagati per mafia. Un’assoluzione

martedì 22 Ottobre 2019, 17:58  

Cinque condanne e un’assoluzione nel processo alla cosca mafiosa di Bagheria. Dodici anni di carcere al nuovo reggente e altre 4 condanne per mafia, estorsione ed armi. Una sola l’assoluzione piena con l’imputato rimesso in libertà dopo quasi due anni di carcere.
Lo ha stabilito la sentenza emessa ieri dal gup Marco Gaeta al termine del rito abbreviato. La scure – come scrive Leopoldo Gargano sul Giornale di Sicilia oggi in edicola – si è abbattuta principalmente su Paolo Ligacondannato a 12 anni e 4 mesi, contro i 18 chiesti dell’accusa. Seguono quelle di Riccardo De Lisi, 11 anni (12 chiesti dalla procura) e Claudio De Lisi, 7 anni contro 11.
Assolto e liberato immediatamente Giuseppe Sanzone, difeso dagli avvocati Enrico Sanseverino e Carolina Varchi: per lui erano stati chiesti 7 anni per tentata estorsione con l’aggravante di mafia.
Condannati a pene minori Pietro Liga, il fratello di Paolo, che ha avuto 2 anni e 8 mesi, e Giocchino Di Bella, 2 anni.

 

Misilmeri. Scoperta una piantagione di marijuana. Arrestate 3 persone

sabato 19 Ottobre 2019, 10:37  

Una piantagione indoor è stata scoperta e sequestrata dai carabinieri della compagnia di Misilmeri, che hanno tratto in arresto un’intera famiglia, il 35enne, Alessandro Chiavetta, la convivente 50enne, Maria Gioia, e il 21enne Giovanni Raccuglia.
Nel corso di un predisposto servizio antidroga i militari dell’Arma hanno perquisito l’abitazione degli arrestati, accertando la presenza di una finta libreria, dietro la quale era celata una porta che consentiva di accedere ad un locale adibito a piantagione indoor.
All’interno della stanza occultata venivano rinvenuti numerosi vasi di piantine di marjuana in fase di crescita ed altra già essiccata, nonché vari fertilizzanti ed attrezzature necessarie per facilitare la crescita (lampade alogene, climatizzatori, ventilatori, incubatrici, macchinari per sigillare le confezioni di stupefacente, bilancino di precisione). Durante le operazioni si accertava anche il furto di energia elettrica mediante manomissione del contatore. La piantagione, nonché il materiale utilizzato per la coltivazione e l’intero locale nascosto sono stati sequestrati. I soggetti sono stati tradotti presso il loro domicilio in regime di detenzione domiciliare come disposto dal Pubblico Ministero di turno della Procura della Repubblica di Termini Imerese, in attesa del rito direttissimo.
Il Tribunale di Termini Imerese ha convalidato l’arresto e ha disposto le misure dell’ obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e dell’obbligo di dimora nel comune di residenza nei confronti dei tre.

 

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

 

Misilmeri. Sgominata
banda per lo spaccio
e la detenzione di droga

mercoledì 16 Ottobre 2019, 08:27  

Cinque mesi di indagini, otto ordinanze di misure cautelari per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti di tipo “hashish”. È il bilancio dell’operazione denominata “Pablito”, con cui i Carabinieri sono riusciti a risalire la filiera dello spaccio che rifornivano le piazze di Misilmeri.

 

Bagheria. Il comune parte civile nel processo sugli illeciti al cimitero

lunedì 14 Ottobre 2019, 09:04  

Il Tribunale di Termini Imerese ha accolto la richiesta del Comune di Bagheria di costituirsi parte civile, nell’ambito dell’inchiesta che lo scorso anno portò al coinvolgimento di 31 persone, fra dipendenti comunali, imprenditori di pompe funebri e parenti di persone decedute.